top of page
  • Immagine del redattoreredazione062

Mare di Libri "Ad alta voce"

Nello scorso weekend si è tenuta, a Rimini, la sedicesima edizione del festival "Mare di Libri" , il principale festival italiano dedicato specificamente alla letteratura per adolescenti. La peculiarità principale di questo festival è il coinvolgimento degli adolescenti in tutte le fasi, dalla direzione artistica alla logistica, dall'accoglienza alla conduzione degli eventi.

Lo storico festival riminese fa parte della rete di festival che ha aderito al progetto "Io leggo: ad alta voce", vincitore del bando Cepell 2020 e promosso dall'associazione Scioglilibro. La declinazione dei temi del progetto a "Mare di libri" è consistita nella formazione, da parte di Alessia Canducci, delle volontarie che hanno accompagnato gli eventi del format "Dentro il libro".

Il format "Dentro il libro" è uno dei format storici del festival, che prevede l'approfondimento di una singola opera. Da sempre questo tipo di eventi è stato accompagnato dalla lettura ad alta voce, ma quest'anno, con la formazione ad hoc delle volontarie, il momento della lettura dei brani è stato ancora più coinvolgente. I libri presentati in questo format sono stati tre: "Trovati un lavoro, poi fai lo scrittore" di Paolo di Paolo (Rizzoli), "Un ragazzo è quasi niente" di Lisa Balavoine (Terre di Mezzo) e "Mille briciole di luce" di Silvia Vecchini (Il Castoro).

Particolarmente toccante è stata la performance delle tre volontarie nell'incontro dedicato a "Mille briciole di luce", in cui hanno interpretato il coro delle ginnaste. Mare di Libri era già uno splendido festival, con la lettura ad alta voce lo è ancora di più!


La redazione di qualcunoconcuicorrere

59 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page